Quarto pareggio in sette giornate per l’Hellas Verona. Al vantaggio di Pisano al 25′ della ripresa, risponde Castro al 39′.

Andrea Mandorlini nella stracittadina del Bentegodi, incontro valido per la 7ª giornata della Serie A TIM, conferma il 4-3-3, con Rafael, Pisano, Moras, Helander, Souprayen; Greco, Viviani, Hallfredsson; Sala, Gomez, Jankovic.

La prima occasione è per la squadra del tecnico ravennate: al 6′ calcio d’angolo insidioso di Viviani ma la difesa del Chievo allontana la minaccia. All’11’ azione manovrata dell’Hellas Verona, Greco arriva alla conclusione di sinistro dal limite dell’area ma il pallone termina alto. Gialloblù ancora pericolosi al 13′: calcio d’angolo di Viviani e colpo di testa di Helander alto sopra la traversa. Un minuto più tardi conclusione di Viviani centrale, blocca Bizzarri. Il Chievo si affaccia per la prima volta davanti a Rafael al 18′ ma la conclusione insidiosa di Rigoni viene chiusa in angolo dal portiere brasiliano. Squadra di Maran ancora pericolosa al 19′ con Birsa, Rafael è attento e chiude in corner. Al 30′ pericolo per la porta dell’Hellas Verona: cross di Birsa dalla sinistra, palla a Paloschi che da comoda posizione calcia in Curva. Replica Rigoni quattro minuti più tardi, partita che resta comunque equilibrata e bella da vedere. Al 40′ uscita bassa di Bizzarri in anticipo su Sala, jolly gialloblù che ci prova al 46′ ma il suo tiro è centrale e preda facile del portiere del Chievo, primo tempo al Bentegodi che si chiude a reti inviolate.

La ripresa si apre con la verticalizzazione di Hallfredsson, al 6′, per Jankovic, pallone troppo lungo e preda facile di Bizzarri. Due minuti dopo ancora protagonista l’attaccante serbo con un tiro-cross, ma sul secondo palo non ci arriva Sala. All’11’ occasione d’oro per l’Hellas Verona: gran palla di Hallfredsson per Gomez, l’attaccante argentino aggancia in area di rigore clivense ma non riesce a controllare il pallone. Ci prova il Chievo al 15′: punizione di Pepe, deviazione sul primo palo di Paloschi, Rafael blocca in due tempi. Chievo ancora pericoloso al 17′ con Meggiorini, palla per Paloschi che non ci arriva. Palo di Hetemaj un minuto dopo, Hellas Verona che ci prova al 18′ con Sala che trova in profondità Gomez, ma la conclusione dell’argentino termina alta. Ottima chiusura prima di Helander e poi di Moras su Paloschi al 21′, partita che resta sempre equilibrata al Bentegodi. Al 23′ tiro alto da comoda posizione di Gobbi. Ma due minuti più tardi l’Hellas Verona passa: punizione di Viviani, prolunga di testa Moras e sul secondo palo trova Pisano che supera Bizzarri e porta in vantaggio la squadra di Mandorlini. Esplode il Bentegodi. Al 29′ Meggiorini impegna con una conclusione centrale Rafael e al 33′ colpo di testa alto sopra la traversa di Hetemaj, Hellas Verona che al 35′ effettua un doppio cambio per l’Hellas Verona FC: Bianchetti prende il posto di Sala e Siligardi per Jankovic, gialloblù che passano al 5-3-2. Ma al 39′ il Chievo pareggia con Castro che di testa supera Rafael su cross di Gobbi. Un minuto più tardi terzo ed ultimo cambio per la squadra di Mandorlini, con Matuzalem che prende il posto di Gomez. Al 45′ gran parata di Rafael su conclusione di Cesar ed un minuto più tardi Castro grazia l’Hellas Verona con un colpo di testa di poco alto sopra la traversa.

Termina 1-1 al Bentegodi, Hellas Verona che guadagna un punto in classifica e si porta a quota 4 punti, gialloblù che sono l’unica squadra della Serie A TIM a non avere ancora vinto in campionato.