“Tutti si fermano e il calcio no? Non entro nel merito delle scelte che hanno adottato le altre discipline. Il calcio ha una sua specificità, lo è per dimensione, per partecipazione e per impatto economico” ha dichiarato all’ANSA, il presidente della FIGC, Gabriele Gravina.