“Sarebbe più che irresponsabile forzare le competizioni a ricominciare fino a quanto le cose non saranno sicure al 100%. In questo momento, abbiamo tre cose in mente, in ordine di priorità. In primo luogo la salute, quindi aiutare la comunità calcistica in questo momento di necessità e anche pensare al futuro su come uscire da questa situazione insieme meglio di prima. In modo strategico e unito. In armonia e ascoltando le idee di tutti. Per nessuna partita e nessuna competizione, vale la pena rischiare una singola vita umana. Tutti nel mondo dovrebbero avere chiaro questo. Se dobbiamo aspettare ancora un po ‘, dobbiamo farlo. È meglio aspettare un po’ più a lungo che correre rischi. Faremo ciò che viene indicato dalle autorità sanitarie. Dopodiché, la nostra priorità deve essere, e ci stiamo lavorando, il come aiutare la comunità calcistica in questo momento di bisogno, quando l’impatto finanziario di questa crisi avrà enormi ripercussioni. Penso che valga la pena fare un’analisi strategica e questo non solo a causa della pandemia. Penso che avremmo dovuto fare questo sforzo collettivo anche prima. Ma ora le persone potrebbero essere più disponibili a parlarne. Se il calcio avrà bisogno di un pacchetto di salvataggio? Stiamo facendo una valutazione dell’impatto economico del Covid-19 insieme alle parti interessate in diversi territori in tutto il mondo, proprio in modo che ci sia una base chiara, trasparente e obiettiva da cui abbiamo iniziato a creare un fondo di aiuti di emergenza. La FIFA ha una solida situazione finanziaria. Abbiamo riserve e credibilità nei mercati. Ma le riserve non sono denaro FIFA. Sono soldi per il calcio. Quindi, quando il calcio ha bisogno, dobbiamo pensare a cosa possiamo fare per aiutare. Questo è esattamente il motivo per cui esistono le nostre riserve. Questo è il motivo per cui stiamo studiando la creazione di un fondo di sostegno specifico insieme ai nostri stakeholder. Ad esempio, ogni confederazione ha nominato un rappresentante per essere informato e partecipare ai dibattiti. L’obiettivo è avere un fondo che possa avere una struttura di governance indipendente. Ciò rafforzerà un approccio professionale e orientato alla soluzione adatto allo scopo previsto. Ciò significa che il mondo saprà dove stanno andando i soldi e, cosa altrettanto importante, perché i soldi stanno andando lì" ha dichiarato UOL.com.br il presidente della FIFA, Gianni Infantino.