“Le mie 100 presenze in Serie A? Ne scelgo due: la prima volta, l’esordio contro il Cagliari con la maglia dell’Inter nel 2011 e la seconda, la vittoria contro la Juve in casa l’anno scorso. La partita perfetta con l’Hellas? Torno sempre lì, la gara contro i bianconeri della passata stagione. La mia miglior prestazione in gialloblù? Contro la Roma l’anno scorso, una delle mie migliori sia in fase difensiva che offensiva. L’Europa? Sono d’accordo con Juric quando dice di pensare ad altro. Il vero obiettivo, la salvezza, non l’abbiamo ancora raggiunta. Se andiamo in campo con meno fame, diventa un problema. Juric? Il mister riesce a tirare fuori il meglio che hai dentro. Se tu, però, hai la testa giusta. Lui ti sta dietro, a volte può risultare pesante. I tuoi sbagli sono accompagnati dalle sue grida. Ma fa tutto per migliorarti. Se resti umile, è perfetto. Se invece sei permaloso fai fatica con lui. Se assomiglia a qualcuno? No, lui è lui” ha dichiarato a L’Arena l’esterno dell’Hellas Verona, Davide Faraoni.