“È stata una bella prova, soprattutto perché venivamo da carichi importanti di lavoro. Hellas di Juric col 3-4-3? Potrebbe essere un’opzione rilevante, il mister magari insisterà su questo modulo. Come sempre saranno i risultati a determinare il modo in cui ci metteremo in campo. Per quanto riguarda la mia posizione, resto sulla destra. Chiaro che quando la palla arriva dalle mie parti divento un quinto di metà campo ma quando si gioca dall’altra parte torno a fare il terzino – ha dichiarato Faraoni a l’arena – Badu? È l’ultimo arrivato. Con lui ho giocato all’Udinese, ha tanta qualità e forza fisica. Un ragazzo che ha tanta voglia di rimettersi in gioco dopo l’infortunio. Lui sarà determinante per noi, ne sono sicuro. Sarà importante partire bene. L’entusiasmo se arriverà subito qualche punto può essere determinante per una squadra come la nostra che ha l’obiettivo dichiarato della salvezza. Abbiamo fatto tanti sacrifici per giungere in serie A. L’anno scorso è stato difficile poi l’abbiamo ripresa per i capelli. Chi può andare di noi, chi può arrivare non è un problema ma chi scende in campo con questa maglia sa che deve fare di tutto per restare in questa categoria. Che Serie A sarà? Molto dura ma a me non importa: l’anno prossimo devo giocare ancora in serie A possibilmente indossando questa maglia”.