“Diciamo che l’1-1 di domenica scorsa contro il Bologna va preso con il sorriso per come si era messa. In 10 dopo meno di 15 minuti e sotto di un gol. Ma ciò che è accaduto dopo deve restarci dentro. Non sarà mai facile segnare Verona, siamo tosti. Come il nostro allenatore. Come va con Juric? Benissimo, stiamo mettendo dentro tanta preparazione e alla distanza servirà per raggiungere l’obiettivo. Lui vuole tanto perché conosce la categoria e noi siamo pronti a dare tutto. Il pubblico l’ha capito e li ringraziamo per esserci stati vicini come fanno sempre. La trasferta di Lecce? Sarà dura, è un animale ferito e vorrà riprendersi seguendo le linee guida di Liverani, in più saranno per la prima volta in casa. Ci servirà essere ancora umili e cattivi, mettendo dentro alla prestazione anche più gioco. Contro il Bologna eravamo in inferiorità, contiamo di giocarcela alla pari in Salento. Se ho commesso errori in passato? Sì, come a Udine. Ma le batoste mi hanno migliorato e mi hanno aiutato a reagire ancora adesso nei momenti di difficoltà. Così come gli infortuni” ha dichiarato Davide Faraoni a La Gazzetta dello Sport.