“Verona è una svolta per me, conosco la piazza in cui sono arrivato, so che vive di calcio. Devo dare il massimo insieme ai miei compagni per cercare di portare in alto la città. Ho già giocato contro il Verona, sia in Primavera che due anni fa quando giocavo con la Pro Vercelli. Quest’ultima è stata una partita molto speciale, sapevamo di affrontare la squadra da battere del campionato. Il gruppo? E’ molto positivo, stiamo facendo bene, anche se ho fatto solo due allenamenti ho notato grande intensità. Prima di arrivare ho sentito Laribi, lui è già integrato benissimo e mi ha subito consigliato di raggiungerlo al Verona – ha dichiarato a hellasverona.it – Il mio ruolo? Sono un terzino di spinta, mi piace offendere e mettere in mezzo il pallone, ma negli ultimi anni ho curato molto anche la fase difensiva. Grosso? Nella sua carriera da calciatore ha sempre giocato nella mia stessa posizione, penso che in pochi potrebbero trasmettermi quello che può insegnare lui”.