”Lazovic, Tutino e Balotelli: il primo è già arrivato e se arrivassero anche gli altri due, questo Verona sarebbe competitivo per la salvezza?” la domanda posta ieri dopo l’amichevole pareggiata contro la Spal all’allenatore dell’Hellas Verona. La sua risposta? “No”. Dritto, schietto e sincero come oramai ci ha abituati. Questo è il nuovo tecnico gialloblù. Ora spetta solo alla società mettergli a disposizione una squadra in grado di raggiungere l’obiettivo stagionale.