È il momento di decidere. Difficile andare avanti così. Anche contro il Crotone, l’Hellas Verona ha dimostrato dopo ben 23 giornate di non essere ancora una squadra. E ciò è inammissibile. Il 2019 è iniziato nel peggiore dei modi per la truppa di Fabio Grosso, gialloblù capaci di raccogliere appena 3 punti in quattro partite, contro le modeste Padova, Cosenza, Carpi e Crotone. Un misero bottino per una squadra che ha come obiettivo finale la promozione in Serie A. L’uscita infelice del ds D’Amico, dopo il nono pareggio in campionato, ha poi evidenziato i limiti di questo club. Spetta ora solo al presidente Maurizio Setti decidere se continuare a percorrere questa strada. In giornata sono attese novità.