“Mancano 12 finali per noi, dobbiamo cercare di vincere più partite possibili. Ora siamo consapevoli che abbiamo qualche chance in più per salvarci. Contro il Chievo siamo scesi in campo con la mentalità giusta, abbiamo giocato come l’avevo preparata. Toni e Pazzini? Sono giocatori che hanno il gol nel loro dna e noi ora abbiamo bisogno di questo, ci sono però in rosa anche delle alternative importanti – ha dichiarato Delneri alla vigilia di Udinese-Hellas Verona – Dispiace invece per la squalifica di Moras, stava facendo bene. A Udine domani verrà sostituito da Bianchetti. Marrone? In questo momento per la posizione tattica che ricopre è imprescendibile. Samir è un’alternativa a Helander, lo svedese è cresciuto molto da quando sono arrivato, ma arriverà il momento anche del brasiliano. Fares? È convocato, sulla sinistra abbiamo più alternative con varie caratteristiche in base a come vogliamo impostare la partita. Nel girone di ritorno stiamo raccogliendo i frutti del lavoro costruito in questi mesi, e gli infortuni sicuramente hanno inciso nel rendimento passato della squadra. Viviani? Sta rientrando in gruppo, dopo Pasqua tornerà a completa disposizione. L’uscita di scena dell’ex dg Gardini? Qui a Verona ha fatto bene e ha colto la chiamata dell’Inter facendo una scelta professionale”.