“Contro il Milan, spero di recuperare Ionita, out invece sia Toni che Fares. In queste ultime giornate abbiamo il compito di fare il massimo, come abbiamo fatto anche a Empoli. Gli stimoli ci sono sempre contro squadre importanti come Milan e Juventus. Abbiamo il compito di fare il nostro dovere fino in fondo, anche dal punto di vista del comportamento – ha dichiarato Delneri – La sfida Gollini-Donnarumma? Un ragazzo che così giovane gioca già in Serie A è proiettato ad essere il futuro Buffon. Gollini sta facendo molto bene speriamo resti sempre così è che abbia un futuro importante. Il futuro del Verona? Dipende dalle dinamiche del mercato. La retrocessione fa cambiare prospettiva. La serie B è un altro campionato, c’è un’altra mentalità e tanti giocatori attuali possono giocare in cadetteria. La volontà spero che sia quella di allestire una squadra per risalire subito in serie A – spiega l’allenatore dell’Hellas Verona – Tutti abbiamo voglia di fare bene fino in fondo, in un’annata molto anomala e particolare. Abbiamo pagato a caro prezzo la rincorsa perché sono stati fatti troppi pochi punti all’andata. Toni e Pazzini possono giocare insieme? Gli infortuni hanno condizionato entrambi. Io in discussione? L’allenatore lo è sempre”.