“Arriviamo alle porte di questa partita fondamentale per il nostro futuro un po’ acciaccati, ma con un’ampia rosa a disposizione. Valuterò durante la rifinitura le condizioni di Moras, Pazzini e Gomez. Per rimanere agganciati dobbiamo vincere gli scontri diretti e domani siamo obbligati a conquistare i tre punti contro il Carpi. Se considerassimo solo i punti conquistati nel girone di ritorno, ora ci ritroveremo a metà classifica – ha dichiarato Delneri alla vigilia di Hellas Verona-Carpi – L’esclusione di Gomez nell’ultima partita? Ho scelto di portare via solo un certo numero di giocatori in quel ruolo perché giocavo con una punta e ho preferito lasciarlo a casa tranquillo ad allenarsi. Il Carpi? È una squadra giovane che corre, ci darà del filo da torcere, ma noi siamo motivati e vogliamo vincere. La visita di Setti a Peschiera? Lui sente questa partita in modo particolare e mercoledì è venuto a caricarci. Gollini? Sta facendo bene e dovrà essere bravo a riconfermarsi su questi livelli, per lui questa stagione deve essere un punto di partenza per il futuro. Fares? Un errore per colpa di una scivolata non cambia il mio giudizio globale sulle qualità del giocatore. Viviani? Sarà tra i convocati contro il Carpi. Toni o Pazzini? Devo ancora scegliere l’assetto tattico con cui ci presenteremo domani al Bentegodi”.