“L’Hellas sta bene, la squadra segue il mister e siamo molto contenti di riuscire a tirare fuori tanto dai calciatori. Adesso stiamo recuperando un po’, sono assenti diversi nazionali ma già pensiamo al match contro il Napoli, difficile contro una delle migliori squadre europee. I dati sono sempre indiscutibili, in questo momento la classifica dice altro ma in ogni match abbiamo avuto buone occasioni e le nostre possibilità per segnare: poi tante volte o prendi il legno oppure la palla esce di poco. Possiamo migliorare la compattezza difensiva che già c’è, siamo solo all’inizio ma la strada è lunga e dobbiamo rimanere umili ed avere l’entusiasmo della neopromossa. Dobbiamo essere ambiziosi e coraggiosi, abbiamo qualcosa in meno rispetto a tante squadre ma possiamo lottare per la serie A fino alla fine – ha dichiarato il direttore sportivo dell’Hellas Verona, Tony D’Amico, a radio kiss kiss – Obiettivi? Verona è una piazza di grande tradizione, una città che vive per il calcio: negli ultimi anni non solo noi abbiamo fatto fatica al primo anno, il gap tra le squadre si è ampliato ed è difficile salvarsi subito. Però noi ci lavoriamo, abbiamo scelto un allenatore importante come Juric che merita la Serie A. Dobbiamo prendere spunto dalle squadre che si sono salvate da neopromosse, con un pizzico di fortuna e tanto lavoro speriamo di farcela. Tutino sta crescendo bene, ha grandi qualità e siamo molto contenti: un ragazzo perbene, grande forza e sono convinto che ci darà una mano”