L’allarme Coronavirus sta creando scompiglio nell’Italia calcistica. Tra partite rinviate, gare a porte chiuse e possibili blocchi di trenta giorni delle manifestazioni sportive, a regnare è l’incertezza. Non sarebbe neppure da escludere una sospensione permanente del torneo: un’ipotesi per il momento assolutamente remota, che però potrebbe anche divenire realtà nel caso in cui la situazione contagi peggiorasse drasticamente.

Ma cosa succederebbe in caso di interruzione definitiva, per cause di forza maggiore, del campionato 2019/2020? Secondo il regolamento della Serie A avrebbe valore la classifica dell’ultima giornata completata, vale a dire la ventiquattresima, terminata il 17 febbraio scorso. A trionfare sarebbe dunque la Juventus, con 57 punti, seguita dalla Lazio a 56. Inter e Atalanta, rispettivamente con 54 e 45 punti, andrebbero in Champions, mentre in Europa League finirebbero Roma ed Hellas Verona. A retrocedere in Serie B sarebbero invece Genoa, Brescia e SPAL. Una conclusione che avrebbe dell’incredibile, insomma, per uno dei campionati più avvincenti degli ultimi anni.

Esiste un unico precedente di un torneo sospeso, nel 1914/1915, per via dell’inizio della Prima guerra mondiale. Alla fine la vittoria finale andò al Genoa, dopo una decisione postbellica della FIGC. Fonte: calciatoribrutti.com