“Siamo contenti perché questi risultati (cinque vittorie su cinque, ndr) ci danno forza e fiducia. Vittorie nate dal lavoro quotidiano sul campo e dalla qualità dei ragazzi, oltre un pizzico di fortuna che non guasta mai. Mi posso ritenere soddisfatto di questo avvio di stagione. Il gruppo deve funzionare, è un’arma in più, specie a questa età, aspetto per me determinante. I ragazzi hanno una grande predisposizione al lavoro, mi seguono molto e questo mi agevola. Sono fortunato perché la società non ci fa mancare niente e ho un ottimo staff. Per me allenare adesso è l’unica cosa che conta. Vivo per fare il 200% di questa professione. Punto sempre a dare il massimo e sono orgoglioso di essere l’allenatore della Primavera dell’Hellas Verona – ha dichiarato Nicola Corrent a Hellas Channel – Il biennio da calciatore in gialloblù? Ho realizzato qualche sogno da professionista ed uno di quelli era quello di indossare la fascia da capitano della mia squadra. Dall’Under 17 alla Primavera? Devo ringraziare Margiotta per l’opportunità che mi ha dato l’anno scorso e per la fiducia dimostrata anche quest’anno. Questi ragazzi hanno ancora margini di miglioramento e non devono porsi limiti, trascurare gli studi, vivendo con passione questo fantastico sport. Non sopporto i vittimismi e chi vive in maniera piatta. Bisogna sempre reagire ed avere motivazioni. È vietato avere rimpianti. Tifosi gialloblù presenti all’Antistadio per le partite? Ci fa piacere e più gente viene a vederci, più ci entusiasma”.