Dare dei “napoletani” ad un gruppo di veronesi può essere considerata un’offesa di connotazione razzista, o comunque discriminatoria per entrambe le provenienze. È questo il motivo per cui la polizia ha deciso di perseguire due tifosi di vent’anni della curva del Calcio Padova. La prima contestazione riguarda il match tra Padova e Verona ma non è l’unico caso, perché al vaglio ci sono anche due cori lanciati in occasione della partita di domenica scorsa contro la Salernitana – si legge su Il Mattino – La Digos ha segnalato alla Procura due giovani che il 20 gennaio scorso, in occasione della partita Padova-Hellas Verona avrebbero incitato altri supporter a fare cori razzisti nei confronti degli avversari. Sotto accusa in particolare un coro riecheggiato più volte con cui si paragonavano i veronesi ai napoletani. Un modo per colpire gli uni e gli altri, evidentemente invisi ai supporter padovani. Altro attacco verbale giunto poi utilizzando un grande classico da stadio: la parola “terroni”. Sarà la procura ora nell’ambito delle sue prerogative a procedere eventualmente per individuare eventuali atti razzisti. Decisivo il nuovo impianto di sorveglianza installato all’Euganeo, che consente di individuare con precisione chi fa cosa.