Vi ricordate nel 2019 la partita in casa dell’Hellas contro il Brescia in cui Balotelli interruppe il gioco lanciando il pallone verso gli spalti perché, a suo dire, aveva sentito ululati razzisti? E vi ricordate che subito partì una macchina del fango da parte della sinistra e della stampa schierata sulla verona nazifascista Verona che ancora una volta si macchiava di razzismo? Poco tempo dopo le indagini raccontarono un’altra verità: a fare gli “uh uh” era stato un siciliano di passaggio in città e per la prima volta allo stadio. Oggi è arrivata la sentenza: l’unico indagato per discriminazione razziale è stato assolto con formula piena. Balotelli, chiamato come testimone dalla difesa, non si è presentato. Quindi gli ululati razzisti non ci sono stati. Chi ha puntato il dito contro Verona chieda scusa e risarcisca la città per averla infangata.

Il commento e la foto pubblicati sui social dal consigliere comunale, Andrea Bacciga