E’ già tempo di mercato in casa gialloblù. Definiti i passaggi di Ionita e – a breve – Martic, in riva all’Adige si pensa al sostituto naturale di Juan Iturbe: osservati speciali in quel ruolo il talento argentino Hector Tito Villalba e l’ex Vitesse, ora al Cluj, Giorgi Chanturia. Quest’ultimo, spesso accostato dai media nazionali ai colori dell’Hellas Verona, sta iniziando a trovare continuità col club di Romania e per conoscerne passato, presente e futuro HELLAS LIVE ha contattato Carlo Cavalleri, agente Fifa da tre anni al suo fianco per curarne gli interessi.

L’accordo col Cluj è stato trovato in estate quando il giocatore pareva essere sul punto di approdare in Italia.

-Alla chiusura del mercato abbiamo trovato l’accordo a titolo definitivo col Cluj, ponendo la firma su un quadriennale. Il perché di questa scelta? C’era molto interesse da parte dei club italiani, ma essendo un tesserato extracomunitario il suo trasferimento dipendeva quasi in toto dalla cessione di altri extracomunitari. Siamo stati molto vicini a chiudere col Bologna. La società emiliana aveva una casella libera per un extracomunitario, ma il prolungarsi della cessione di Diamanti in Cina, che avrebbe portato soldi da reinvestire, ha di fatto bloccato il trasferimento. Diamanti è stato ceduto una volta chiusa la finestra del mercato invernale e quindi non è stato possibile portare avanti l’operazione. Dopo ciò è stato trovato l’accordo col club rumeno, ritenuto molto flessibile anche in ottica di futuri trasferimenti -.

Questo fino adesso il bilancio dell’avventura rumena.

– Già nella prima apparizione ha fatto capire di che pasta sia fatto. Entrato nel finale di gara ha sparigliato le carte in gioco permettendo ai suoi di rimettere in piedi un risultato che pareva compromesso, davvero un buon impatto. Dopo l’esordio è stato convocato per gli impegni con la nazionale, dai quali è tornato abbastanza provato essendo soggetto ad una doppia preparazione. Sempre nello stesso impegno ha rimediato un lieve infortunio che l’ha costretto in più occasioni a partire dalla panchina con la maglia del club. Ora sta meglio e nelle ultime due gare è stato schierato dal primo minuto per cercare di aiutare il Cluj a risalire la classifica dopo i risultati negativi di inizio torneo -.

Ma veniamo all’interesse da parte del Verona e di altri club italiani per il giocatore. Ecco il punto della situazione fatto da Cavalleri.

– Da molto tempo il Verona osserva le gesta di Chanturia. E’ stato visionato sia quando era al Vitesse che con la maglia della nazionale georgiana. Innanzitutto va detto che la volontà del calciatore è quella di approdare in Italia, questa è la sua aspirazione. Su di lui non c’è solo il club gialloblù. Piace infatti da svariato tempo anche a Genoa, Bologna e Udinese. Il direttore Sogliano ha chiesto informazioni per il giocatore, nell’ipotesi di un contatto col Cluj al termine del torneo. Fase avanzata? Direi di no. Questo dipenderà da tutta una serie di considerazioni che spetteranno al club interessato. Il Verona ha espresso il proprio parere favorevole, ma non è il solo interessato al giocatore. Da parte nostra trova pieno appoggio in quanto consideriamo l’Hellas Verona una società molto seria, con ottimi dirigenti ed un grande allenatore. Il Verona alla pari con altri club italiani? Direi di si. Quello descritto in precedenza risulta essere il quadro attuale della situazione. Molti media hanno caricato il trasferimento di Chanturia al Verona perché ci può essere una sorta di incastro con la partenza di Iturbe, visto il ruolo e le indiscusse qualità. Le condizioni sono favorevoli, ma il futuro di Chanturia è ancora tutto da scrivere -.