“Meglio non guardare la classifica perché adesso è davvero difficile mantenere la Serie A. Di chi è la responsabilità? Di tutti, società, allenatore e giocatori. Sono davvero mortificato. Non riusciamo a fare gol purtroppo, ma contro il Genoa abbiamo dato tutto. Purtroppo non è bastato. Cosa ci manca? Forse un attaccante. Potevo fare qualcosa di più anch’io – ammette Cerci – Ce la siamo giocata alla pari e meritavamo qualcosa di più. Questa è un’annata nata male. Purtroppo mi sono fatto male nel momento migliore, sono stato curato male e ho perso così tanto tempo. Sono stato tre mesi fermo, uno stop che ha creato un danno a me ed alla squadra”.