“I risultati nascono da un grande lavoro da parte di tutti. Silvestri non fa uno sport singolo, ma fa parte di un gruppo e di una squadra che ogni giorno scende in campo per preparare al meglio ogni singola partita. È fondamentale il compito specifico di ognuno di noi, compresi i magazzinieri. Marco ha grandi margini di miglioramento, deve credere fortemente in quello che fa e nella ricerca dei particolari da migliorare. Non ci sono limiti nel migliorarsi giorno dopo giorno – ha dichiarato a Hellas Channel, Massimo Cataldi, preparatore dei portieri dell’Hellas Verona – In Marco cerco di vedere quello che non vede nessuno. La mia carriera? Sono partito dall’Eccellenza, facendo poi tutte le categorie, compreso il campionato Primavera. Ho cercato in ogni stagione di viverla al massimo per quelle che sono le mie possibilità, con grande responsabilità verso la società e la città. Ho lavorato con tante persone e mi ritengo innamorato pazzo di questo lavoro. A chi mi ispiro? A 19 anni ho avuto la fortuna di lavorare con Mauro Cherubini, per me un vero portatore di valori. Studio sempre, non mi fermo mai e pretendo dedizione totale dai ragazzi e da chi ho intorno. È fondamentale il rapporto, conoscerci ed il rispetto non è una parola vuota. Con lo staff di mister Juric mi trovo bene, sono contento perché il direttore mi ha dato l’opportunità di rimanere con l’avvallo dell’allenatore. Verona? È una città bellissima, vivo a Peschiera e conosco bene ogni sfaccettatura del centro sportivo. Dell’Hellas che dire.. La vivo molto durante la giornata con persone come Sandro Mazzola che è il cuore e la testa dell’Hellas o Stefano Cacciatori, che rappresenta lo spirito del tifoso dell’Hellas”. Foto: hellasverona.it