“È sempre un onore quando due persone come Berlusconi e Galliani pensano a te, mi sento ancora un giocatore di Serie A a maggior ragione dopo aver visto alcune partite in televisione dove la qualità è modesta. La mia priorità resta sempre la Serie A dove sono convinto di poter fare ancora la differenza. – spiega Antonio Cassano a Il Secolo XIX – A questo punto in B o C andrei solo in una squadra, ovvero l’Entella. Lo farei sopratutto per i rapporti di amicizia che coltivo da tempo col presidente Gozzi e poi l’ambiente mi piace tantissimo. Mi piacerebbe scrivere un pezzettino di storia di quella società assieme a Gozzi, una persona stupenda e squisita”.