“Cassano venga a giocare a Savona: sarà vicino a casa e non sentirà la nostalgia". È l’invito lanciato dalla società Unione Sportiva Legino 1910, squadra di Savona che milita nel campionato di Promozione e che ha visto i ‘primi passi’ di Stefan el Shaarawy. A lanciare la proposta l’allenatore e dirigente Fabio Tobia con l’appoggio dall’assessore allo sport Maurizio Scaramuzza. Se l’ingaggio di Fantantonio potrebbe rappresentare un ostacolo insormontabile per un club di Promozione, l’allenatore e l’assessore hanno trovato una soluzione: "Il Legino calcio non può permettersi, per il budget limitato, di sostenere i costi per un campione di questo calibro. Tuttavia a Antonio Cassano garantiremo l’ospitalità e l’accoglienza della città e tutte le volte che lo desidererà, la nostra farinata bianca".