“Più che del singolo interprete, preferisco parlare in senso generale del Verona. L’ho seguito come commentatore televisivo e la squadra mi ha impressionato. Senza alcun dubbio proprio il gioco sulle fasce è uno dei tratti di spicco dell’impostazione data da Ivan Juric. Gli esterni vanno molto “dentro”, cercano lo spazio per servire le punte o per andare al tiro direttamente. Questo tipo di calcio è efficace e anche spettacolare. Ci sono delle somiglianze con Gasperini, non c’è dubbio. La spinta sulle corsie laterali è una di queste, sebbene non sia l’unica. Ma Juric non è soltanto un discepolo di Gasperini, ha intuizioni proprie che applica al meglio – ha dichiarato Mauro German Camoranesi a La Gazzetta dello Sport – Con Malesani il nostro 3-4-3 aveva caratteristiche diverse. L’Hellas di oggi, come facevamo noi, cerca spesso di attaccare in verticale, ma il possesso palla è gestito in un altro modo. Di sicuro, è un Verona che viaggia velocissimo e che ha tutto per continuare a fare delle belle cose. Glielo auguro, perché quando l’ho visto mi ha impressionato, anche in partite perse”.