“30 aprile 2000, doppietta mia al Bentegodi contro la Juventus, con l’Hellas vinciamo 2-0 e siamo matematicamente salvi alla terzultima giornata. In bianconero ci sono cresciuto, da bambino tifavo Juve, il mio idolo era Boniek, poi col tempo le cose sono cambiate e ora se devo indicare la mia squadra del cuore, dico sempre Verona – ha dichiarato Fabrizio Cammarata a La Gazzetta dello Sport – Se l’Hellas sabato può fare il miracolo di fermare la Juventus? Non fidatevi di chi sostiene che sia impossibile crederci. Il pallone è una lezione continua. Il pronostico è tutto bianconero, ma l’Hellas, prima della giornataccia di Udine, aveva dimostrato di essere in grande crescita. Mai dire mai”.