“Le prime sensazioni sono state subito positive, già da quando avevo parlato col direttore sportivo e con l’allenatore. Ho trovato entusiasmo e la giusta positività. L’Hellas Verona rappresenta per me una opportunità, al Milan non giocavo tanto e qui voglio rimettendomi in gioco, dimostrando il mio valore per essere competitivo – ha dichiarato l’attaccante dell’Hellas Verona, Fabio Borini, a hellasverona.it – Verona è la scelta giusta per me. Tante proposte, perché l’Hellas? È vero, ne avevo anche di allettanti ma ho preferito venire a Verona, una squadra che gioca un bel calcio, ad alta intensità, che attacca, in velocità, un po’ come se mi descrivessero (ride, ndr). Questa è stata la svolta della mia decisione. Juric? Avevo bisogno di una società, allenatore e compagni che mi potessero esaltare e permettessero di essere subito incisivo. Il primo impatto con Verona? Buono, ho fatto un bel giro e ho potuto ammirare le bellezze della città. È a misura d’uomo, mi piace. Mia moglie è inglese e visitarla per lei sarà bellissimo”.