“Sono rimasto colpito da quello che è accaduto in Italia e mi è parso il minimo poter aiutare (#aiutiAMOverona, ndr). Il virus? Non ci hanno detto la verità. In Germania la Merkel si è affidata a un solo specialista, avrebbe dovuto ascoltarne di più. Lei non ha un grande consenso da noi. Due anni fa nel mio paese c’è stata un’influenza durissima, molto cattiva. Sono morte 25mila persone. Grande rispetto per chi non c’è più. Elkjaer? Lui è una leggenda. Nel progetto del nuovo stadio a Verona ci sarà un museo fantastico per tutti i grandi calciatori – ha dichiarato a L’Arena l’ex gialloblù, Thomas Berthold – La vittoria più bella? Quella contro la Juve, con Preben che segna su un mio cross. La Nuova Arena? Ci siamo, fra non molto consegneremo il progetto al Comune e poi ci sarà il bando. Ci siamo impegnati per trovare ingegneri, professionisti e progettisti di primo piano. Albergo, museo, spazi commerciali, ristorazione e altro ancora. L’Hellas? Ho visto in tv Amrabat e Kumbulla, per varie ragioni sono dei fenomeni e poi c’è Juric, un grande come Bagnoli. Lui è bravissimo”.