“Il gruppo sta bene ed è voglioso di fare una grande partita. Dobbiamo dare continuità alla prestazione offerta contro il Napoli. Purtroppo c’è stato l’inconveniente della Coppa Italia, una prestazione che deve essere dimenticata. Lunedì c’è subito il Verona per riscattarsi”.

“Ho ancora un po’ di tempo per valutare Barba e Iago Falque che stanno decisamente meglio rispetto ai giorni scorsi. Valuterò se portarli in panchina o farli recuperare ancora per averli a disposizione contro lo Spezia. Viola? Dobbiamo andarci cauti: è stato fuori otto mesi. Per noi è un calciatore fondamentale, per questo l’ho inserito per 45 minuti in Coppa Italia. Lo vedremo in piena forma tra qualche settimana. Moncini, invece, è già pronto e arruolabile”.

“Sappiamo benissimo da dove veniamo e quali sono le nostre caratteristiche principali. Abbiamo sempre detto che il nostro scudetto è quello di mantenere la categoria. Possiamo solo migliorare. Abbiamo tanti calciatori giovani all’esordio che possono crescere ancora molto. Adesso ci sono due partite fattibili rispetto a quelle con Roma e Napoli. Il Verona è una grande squadra, ma penso che il Benevento si farà trovare pronto. Loro squadra fallosa? L’abito da battaglia lo dobbiamo sempre indossare anche noi. Abbiamo visto in Coppa Italia cosa succede quando molliamo qualcosa. L’agonismo non dovrà mai mancarci, così come il battagliare su ogni palla. Al Bentegodi bisognerà fare una grande partita”.

“Per me è sempre una grande emozione tornare al Bentegodi. Il soprannome "Superpippo" è nato proprio nella curva del Verona. All’epoca ero molto giovane, ricordo che tutto partì dal derby vinto con il Padova. La tifoseria era incredibile per tifo e passione, poi devo dire che mi ha sempre riservato un affetto particolare: per me è motivo di grande soddisfazione perché a quella città mi lega un ricordo bellissimo della mia carriera. Il Verona di oggi è da prendere da esempio. Colgo l’occasione nel fare i complimenti a Juric per quanto sta facendo. Hanno un gioco ben chiaro e propositivo. Per essere all’altezza del Verona dovremo fare una grande partita”.

“Da questo doppio confronto mi aspetto solo punti. Personalmente dei complimenti me ne faccio ben poco. Dobbiamo conquistare risultati positivi per la nostra classifica e voglio vedere una squadra che lotta”.

“Ho le idee chiare, anche se resta qualche dubbio. Gradualmente stiamo recuperando tutti i calciatori. Quando avrò tutta la rosa a disposizione ci sarà solo l’imbarazzo della scelta, oltre a essere un fattore determinante nel corso delle partite”. Le dichiarazioni riportate da ottopagine.it dell’allenatore del Benevento, Filippo Inzaghi, all’antivigilia della sfida contro l’Hellas Verona.