L’Antitrust ha avviato due istruttorie nei confronti di Sky e Dazn, riferendosi alla commercializzazione dei pacchetti delle partite della stagione 2018/19. Le due piattaforme, infatti, avrebbero violato aluni diritti dei consumatori e svolto pratiche commerciali scorrette. In una nota scritta dall’Autorità, Sky avrebbe indotto i clienti a prendere decisioni inconsapevoli, non dichiarando in maniera precisa alcune informazioni sui limiti dell’offerta relativi alle fasce orarie – si legge su ANSA – In merito a Dazn, invece, vengono esaminati i seguenti aspetti: lo slogan “quando vuoi, dove vuoi” che non specificherebbe le limitazioni tecniche che potrebbero impedire una corretta visione della piattaforma, i messaggi che indicherebbero un “mese gratuito” e un’offerta del servizio “senza contratto”, anche se il consumatore stipula un contratto che prevede un rinnovo automatico.