“Sono molto felice dell’affetto che mi hanno subito dimostrato i tifosi dell’Hellas Verona. Contro il Bologna ero appena arrivato in città da tre giorni, ma la spinta dello stadio mi ha aiutato molto ed è stato davvero bello. Juric? Ho scelto Verona anche per lui. È un allenatore molto grintoso, cura molto la tattica ed il fatto di esaltare il pressing, eleva le mie caratteristiche. Che partita sarà contro il Milan? Le partite contro le grandi squadre sono le più belle da giocare. Ho grande rispetto per i rossoneri, un grande club ma non abbiamo certo paura. Poi giocheremo in casa e questo ci darà una grande mano – ha dichiarato Amrabat – Com’è nata la trattativa con l’Hellas? Abbiamo parlato ad inizio giugno e da subito ho capito quanto mi voleva il club scaligero. Il Bruges subito non mi voleva cedere ma alla fine poi ha vinto la mia voglia di confrontarmi col campionato italiano. Tanti mi hanno parlato bene di Verona e posso solo confermare quanto mi è stato riferito su questa bellissima città e tifoseria. Prestito con diritto di riscatto a 3.5 dal Bruges? Spetterà al Verona decidere se riscattarmi o meno. Io darò tutto quello che ho per il bene della squadra e di questi splendidi tifosi. Ottavo calciatore più veloce delle prime due giornate della Serie A? Posso correre ancora più veloce (ride, ndr). Il mio fisico non lo direbbe e voglio cercare di sorprendere ancora di più gli avversari con questa mia caratteristica”.