Giovedì mattina, il difensore dell’Hellas Verona, Michelangelo Albertazzi, ha trovato la sua auto parcheggiata al centro sportivo di Peschiera con uno squarcio nel pneumatico destro. Messo fuori rosa dal club gialloblù il 5 luglio scorso, Albertazzi si è rivolto al Collegio arbitrale, che a fine settembre gli ha dato ragione, riconoscendogli il reintegro ed un risarcimento di 57.600 euro. Il club ha eseguito la sentenza, ma dopo 15 giorni il giocatore, lamentando ancora un trattamento discriminatorio (il Verona smentisce), si è rivolto ancora al Collegio arbitrale, assistito da Mattia Grassani, chiedendo la risoluzione del contratto e un risarcimento di 200.000 euro. Fonte: La Gazzetta dello Sport.