“Quello che ha pubblicato la Lega non è una proposta, ma un suggerimento alle società. Non c’era nessun accordo da trovare perché non abbiamo mai parlato con la Lega di taglio di stipendi o di riduzione. In un momento come questo si mette alla gogna un’intera categoria in questo modo per ottenere benefici economici ma ci si dimentica che questi stipendi sono previsti dalle società e pagati dalle società. E’ paradossale che gli imprenditori mettano in cattiva luce i propri calciatori. Quale potrebbe essere il nostro prossimo passo? C’è da trovare una soluzione ma la soluzione si trova quando tutti sono disposti a fare la propria parte. Oggi, purtroppo, chi deve far quadrare i conti taglia i costi ma c’è schizofrenia perché da una parte si dice non vi paghiamo più e dall’altra che a metà maggio si torna in campo. Tutti devono fare la loro parte e i calciatori stanno facendo la loro, come testimoniano tutte le discussioni che si stanno facendo tra i giocatori ed i dirigenti di Serie A, Serie B e Lega Pro" ha dichiarato a Radio1 Sport il presidente dell’AIC, Damiano Tommasi