Umberto Calcagno, vice presidente dell’Assocalciatori, parla di situazione “sconvolgente”, annuncia l’impugnazione della norma e soprattutto annuncia che “stiamo proponendo a tutti i calciatori di Serie B e Lega Pro di fermarsi. Per noi i campionati non devono partire. Abbiamo lasciato in mano il calcio a chi lo detesta e questi soggetti hanno solo interesse a più casino possibile. Non hanno risolto i problemi e ne stanno creando ogni giorno uno di più”. La proposta AIC di fermarsi potrebbe essere formalizzata in una riunione fra i capitani all’inizio della prossima settimana.