Unico. Come l’impresa della squadra di Osvaldo Bagnoli. Veronese. Come tutti noi. Inimitabile. Come le sue radiocronache. La sua voce ha raccontato per decenni le gesta dei ragazzi gialloblù. Era diventato uno di famiglia grazie al suo modo unico ed inconfondibile di descrivere il nostro amato Verona. La storica cavalcata di Tricella e compagni è anche sua.

Ti saremo per sempre grati per le emozioni che ci hai fatto vivere. Nei nostri cuori resterai in eterno. Proteggi da lassù i colori gialloblù. Ciao Roberto.